Cento canzoni di cui parlare: “Time”

Scritto da | Gennaio 12, 2020 | blog

 

 

[004/100]

Estate 2002. Porto Vromi, Zante, Grecia.

Uscito dal mare dove vedevo la mia ombra proiettarsi sul fondo, dieci metri più in basso, mentre nuotavo, mi siedo  nella panca di legno di un baretto rimediato con una roulotte scassata qualche metro sopra quella fantastica insenatura. Qualche copertura improvvisata a  gettare ombra sui tavolini, le rocce gli alberi, il sole che comincia a virare sull’arancione nella sua fase discendente, la mythos fredda, il pacchetto di patatine aperto, il meltèmi che continuamente rinfresca l’estate.

Sospiro, penso che fra un paio di giorni dovrò lasciare l’isola e mi viene in mente che se ci fosse un po di bella musica nell’aria sarebbe veramente l’istante perfetto per ricordare la mia prima estate in Grecia. leggi tutto…

Chi siamo: